Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
International Training Camp Parma 2014
CERIMONIA DELLE CINTURE 2014 – CORSI BAMBINI
I due giorni di Pino Maddaloni al KSDK Parma
"La preparazione per chi fa Sport"
"Allenare il pensiero, riscoprire l’identità"
Premiazione 2013
CNU 2014
European Cup Senior di Londra
Campionati Italiani Junior 2014
Campionati Italiani Junior 2014

Suddivisione tecnica del Judo

 

II JUDO è diviso in due gruppi tecnici fondamentali: Shinken Shobu Waza, "tecniche di combattimento reale", che comprende tutte le possibili azioni (proiezioni, colpi con le mani e con i piedi, leve articolari, soffocamenti, ecc ) del judo stesso, e Randori Waza ,le "tecniche dell'esercizio libero", a cui, però, è stato tolto tutto quello che non è facilmente controllabile e pericoloso.

Possiamo quindi dire che tenuto conto di una giusta personalizzazione e di una necessaria progressione in funzione anche delle differenti età, il judo sia una disciplina praticabile da tutti.

Lo studio tecnico avviene attraverso esercizi specifici e metodi di allenamento, spesso molto vari tra loro e legati ad esperienze di vari Maestri Al di là di tutte le tecniche o metodi di allenamento, la pratica fondamentale è KATA e RANDORI. Il principiante deve capire che la pratica del Judo non è solo esercizio fisico, dove indirettamente, a causa di un avversario che si ha di fronte, anche la mente è costretta a partecipare.

Il Judo è una disciplina che prevede esercizi per lo sviluppo fisico e tecnico (RANDORI) ed esercizi per potenziare determinate facoltà mentali (KATA). Nei KATA, la mente del praticante interviene direttamente e ne guida tutti i movimenti con la massima precisione, controlla la respirazione, la posizione e sviluppa la capacità di attenzione; è un combattimento intcriore contro se stessi. Nel RANDORI, la mente interviene indirettamente, coinvolta dall'avversario : tutte le sue capacità sono in armonia con il “fisico”, che è il mezzo per dimostrare le proprie qualità in combattimento.

E' importante ai fini della "massima efficacia nell'utilizzazione dello spirito e del corpo" che l'allenamento sia basato principalmente su KATA e RANDORI.
E' inutile allenare la mente durante il RANDORI o potenziare la tecnica attraverso il KATA, non è il loro scopo. KATA e RANDORI sono due esercizi diversi tra loro ma complementari; indispensabili per comprendere e applicare i principi fondamentali del judo.

Google Translate

Italian English French German Japanese Russian Spanish

Accedi o registrati

I nostri social

Vuoi sapere cosa succede oggi al KSDK? Scoprilo anche su Facebook e Instagram.

Partner

Libertas
Il Forno della Pizza