Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
International Training Camp Parma 2014
CERIMONIA DELLE CINTURE 2014 – CORSI BAMBINI
I due giorni di Pino Maddaloni al KSDK Parma
"La preparazione per chi fa Sport"
"Allenare il pensiero, riscoprire l’identità"
Premiazione 2013
CNU 2014
European Cup Senior di Londra
Campionati Italiani Junior 2014
Campionati Italiani Junior 2014

Resoconto e Premiazione 2017 e Presentazione 2018

19/1/2018
Il KSDK premia le sue stelle al Parma&Congressi

Si è tenuta ieri sera all'Hotel Parma&Congressi la serata che ogni anno il Kyu Shin Do Kai dedica al Resoconto e alla Premiazione per l'anno in corso e alla Presentazione dell'anno futuro.

La serata è diventata ormai un evento cardine nel calendario della nostra Scuola, un’ora e mezza in compagnia di Genitori e Amici per presentare il resoconto delle attività e dei risultati ottenuti nel 2017 e spiegare le nuove sfide che intraprenderemo nel 2018.

Foto

Quest'anno la cerimonia ha avuto luogo al di fuori della Casa del Judo, in una delle Sale Conferenze dell'Hotel Parma&Congressi, scelta resasi necessaria per il continuo aumento dei genitori, parenti ed amici che decidono di condividere con noi questo momento speciale.

Foto

La serata è stata aperta dal nostro Presidente Lucia Rubini, che ha ringraziato tutti coloro che ci hanno raggiunto ed in particolare: Giovanni Morsiani, Vicepresidente Settore Lotta, Antonio Amorosi, Presidente Comitato Regionale Fijlkam Emilia Romagna. Prof. Antonio Bonetti, Delegato Provinciale del CONI ed il Vicepresidente al Settore Judo Francesco Rasori. I saluti sono proseguiti poi con Giorgio Faelli, Assessore allo Sport del Comune di San Polo, Paolo Oleari Direttore Tecnico Regionale e infine con gli amici Paolo Checchi del Judo San Mamolo ,Giordano Palladini della Modena Academy e Alberto Polledri della Sinergy Lodi.

Foto Foto

Conclusi i saluti di rito, il nostro Presidente ha posto l’attenzione sul numero sempre maggiore di persone che ogni anno prendono parte a quest’evento, segno della grande partecipazione da parte dei genitori e dei nostri amici. In seguito ha proseguito informando i presenti della vittoria da parte della nostra Scuola del bando per la gestione della “Casa del Judo”, una “vittoria sofferta”, ottenuta grazie alla "determinazione e alla spavalderia" che ci contraddistingue e che ci permetterà di continuare ad investire e credere in questa realtà. Successivamente tutti i presenti hanno potuto assistere ad uno dei momenti più attesi, il classico video, alla regia del quale hanno debuttato quest'anno Marco Peschiera e Chiara Coruzzi, che hanno provato a racchiudere in poco meno di 20' tutte le attività e le emozioni vissute dai nostri allievi nel 2017.

In seguito è stato consegnato il primo riconoscimento della serata a Renzo Fanzini, il premio "Genitore dell’Anno 2017", una simpatica maglietta per ringraziarlo del sostegno e del su(O)pporto discreto e costante verso di noi.

Foto

Successivamente è intervenuto il nostro Direttore Tecnico, il Maestro Luigi Crescini, che ha fatto una breve presentazione “in cifre” delle attività della nostra Scuola, rimarcando il ruolo educativo che ci siamo sempre posti come obiettivo primario e per il quale non scendiamo a compromessi. Il DT ha proseguito ricordando come le origini stesse del Judo siano da ricercare nell’educazione, il Professor Jigoro Kano era infatti un famoso insegnante ed educatore che ricoprì importanti cariche nel Ministero dell’Istruzione Giapponese e solo in seguito questa disciplina assunse una dimensione più sportiva, entrando poi a far parte dei Giochi Olimpici. Il Maestro Crescini ha poi concluso citando una frase di Marius Vizer, Presidente della Federazione Internazionale di Judo, il quale alla domanda “Cosa direbbe ad un giovane judoka che vuol diventare campione del mondo?” rispose “Diventare campioni è un risultato eccezionale. Richiede un’enorme quantità di lavoro, sacrifici, dedizione, così come l’educazione scolastica, perché secondo me le due forme non possono essere separate. Tuttavia pochissimi diventeranno campioni del mondo, ma sono fermamente convinto che attraverso il nostro sport molti diventeranno campioni nella vita”.

Foto

La parola è passata poi al Vice Presidente Francesco Cugini il quale, alla vigilia della sua discussione della tesi di Dottorato in Fisica, ha parlato della propria esperienza personale, rimarcando il fatto che, sebbene non abbia mai ottenuto risultati agonistici importanti, il suo percorso judoistico dentro la nostra Scuola gli ha permesso di avere quelle “conoscenze trasversali”, le quali molto spesso non vengono “insegnate”, che lo hanno aiutato molto sia nel suo cammino accademico che lavorativo, permettendogli di diventare un “campione nella vita”. Il Vice Presidente ha poi rivolto un invito a tutti i genitori a non smettere di supportare i loro figli nella pratica di questo sport anche, e soprattutto, se non vincono molte medaglie perché ciò che si guadagna da questo cammino va ben oltre il risultato agonistico.

Foto

In seguito è intervenuto di nuovo il D.T. il quale, prima di iniziare la consegna dei diplomi, ha spiegato i parametri con i quali vengono stilate le classifiche di fine anno, i quali prevedono in primis il rendimento scolastico, poi la presenza e l’atteggiamento tenuti durante le lezioni ed infine i risultati agonistici.

Quest'anno oltre alle ormai tradizionali classifiche Esordienti A e B, Cadetti e Junior è stata introdotta una nuova graduatoria che ha per protagonisti i PreAgonisti con lo scopo da una parte di premiare il loro impegno e dall'altra di introdurli gradualmente nel mondo dei “più grandi”. Sono stati, inoltre, “esclusi” dalle Classifiche i medagliati ai Campionati Italiani, in quanto già premiati successivamente ed in modo da valorizzare l’impegno anche di chi, pur lavorando sodo, non è riuscito a raggiungere questo risultato.

Tenendo conto dei criteri illustrati dal Maestro Crescini, sono stati premiati dall’Assessore allo Sport del Comune di S. Polo Giorgio Faelli, per la categoria PreAgonisti: Cristian Cenci, Lorenzo Loffi, Lorenzo Spocci, Daniel Cuneo, Soraya Akef, Veronica Ferrari, Lorenzo Alberti, Angelica Arcari, Nicolas PapottiDuaa Kazir.

Foto

Per le classi Esordienti A e B hanno ricevuto il riconoscimento rispettivamente Samuele Zantei, Annalisa GambettaMartina Stocchi dal Delegato Provinciale CONI Antonio Bonetti e Federico Ferrari, Matteo Casamatti, Henry Owusu, Alessio Bondi, Alessandro Rigoni, Nicola ChiariCarolina Bertora dal Vice Presidente Settore Judo del Comitato Regionale Francesco Rasori.

Foto Foto

Ha, invece, consegnato i diplomi ai Cadetti Edoardo Brugnoli, Caterina Mazzotti eEleonora Pagliughi, il Presidnete del Comitato Regionale Antonio Amorosi e agli Junior Andrea Spaggiari, Riccardo BertoliEleonora Crescini, il Vicepresidente Settore Lotta Giovanni Morisiani.

Foto  Foto

In seguito si è passati alla premiazione, da parte del DT Regionale Paolo Oleari, degli allievi che hanno ottenuto importanti risultati a livello Nazionale e Internazionale nel 2017: Alessandro Magnani, Medaglia di Bronzo ai Campionati Italiani Junior e Medaglia d’Argento ai Campionati Italiani Cadetti, Riccardo Montanini, Medaglia di Bronzo ai Campionati Italiani Junior, Lorenzo Agro, Medaglia d’Argento ai Campionati Italiani Junior, e Chiara Lisoni, Medaglia di Bronzo ai Campionati Italiani Assoluti.

Foto

Come da tradizione la serata si è conclusa con un semplice buffet che, tra una tartina e un bicchiere di vino, ha dato la possibilità a tutti di salutarsi e complimentarsi per i risultati ottenuti nell’anno appena passato.

Google Translate

Italian English French German Japanese Russian Spanish

Accedi o registrati

I nostri social

Vuoi sapere cosa succede oggi al KSDK? Scoprilo anche su Facebook e Instagram.

Partner

Libertas
Il Forno della Pizza