Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
International Training Camp Parma 2014
CERIMONIA DELLE CINTURE 2014 – CORSI BAMBINI
I due giorni di Pino Maddaloni al KSDK Parma
"La preparazione per chi fa Sport"
"Allenare il pensiero, riscoprire l’identità"
Premiazione 2013
CNU 2014
European Cup Senior di Londra
Campionati Italiani Junior 2014
Campionati Italiani Junior 2014

Campionati Italiani Assoluti 2016

11/6/2016
Jacopo Cavalca Bronzo nei 73kg e Vincenzo Landi 5° nei 60kg!!!

Si conclude con il 3° posto di Jacopo Cavalca nei 73kg e il 5° posto di Vincenzo Landi nei 60kg l’avventura del KSDK ai Campionati Italiani Assoluti 2016.

Il parterre del Palazzatto dello Sport di Salsomaggiore Terme ha ospitato, tra sabato e domenica, 443 atleti, vedendo l’assegnazione dei 14 titoli tricolore per l’anno 2016.

Foto

La gara, giunta alla 71^ Edizione Maschile e alla 50^ Edizione Femminile, è stata organizzata, dal Kyu Shin Do Kai Parma, per conto di FIJLKAM, ed in collaborazione con il Comitato Regionale Emilia Romagna, è stata patrocinata da Comune di Salsomaggiore, Comune di Parma, Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna e dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano.

Quest’anno la massima competizione judoistica nazionale ha assunto per noi un valore molto particolare per il luogo in cui si è svolta, Salsomaggiore Terme a pochi chilometri da Parma, per il periodo, la conclusione dei festeggiamenti per il trentennale della Scuola, e non ultimo per il ruolo che il KSDK ha avuto nell’organizzazione del torneo.

Purtroppo i risultati agonistici hanno lasciato un po’ di amaro in bocca, le potenzialità erano molte ma pochi sono riusciti a finalizzarle. Il KSDK torna dunque a casa da Salsomaggiore “soltanto” con il Bronzo di Jacopo Cavalca nei 73kg e il 5° posto di Vincenzo Landi nei 60kg.

Nei 73kg Jacopo Cavalca esordisce battendo il marchigiano Cirilli per ippon di seoi-nage e continua la sua striscia di vittorie superando prima il laziale Nuzzo, per wazari di yoko-tomoe-nage seguito da un wazari di ko-uchi-gari, e poi l’altro laziale Marini, per hansoku-make, arrivando così in semifinale. Purtroppo qui la sua striscia positiva si interrompe ad opera dell’atleta della Fiamme Oro Meloni e il nostro allievo è costretto ad affrontare la finalina per il 3°-5° posto. L’avversario questa volta è il piemontese Mirabella, costretto ad arrendersi a Jacopo che con un wazari di contrattacco ed un wazari di seoi nage conquista una bellissima medaglia di Bronzo che gli vale anche il passaggio di grado a Cintura Nera 3° Dan.

 Foto

Nei 60kg, invece, Vincenzo Landi inanella tre vittorie consecutive con l’emiliano Collovà, il piemontese Monticone e il toscano Perugini rispettivamente per due wazari di o-goshi, ippon di strangolamento e yuko di kata-guruma, raggiungendo così la semifinale. Anche lui purtroppo però viene superato proprio qui dal piemontese Lombardo che con due yuko guadagna la finale. Nella finalina 3°-5° posto incontra il siciliano Pantano che con un ippon di seoi-nage lascia Vincenzo di misura giù dal podio. Il 5° posto ha permesso a Vincenzo di diventare Cintura Nera 3°Dan, ma lascia comunque sempre un po’ di amaro in bocca. Nonostante tutto però quello di oggi è stato un buon risultato per il nostro allievo che, pur non al massimo della "condizione fisica", ha combattuto con tenacia e determinazione dando il tutto e per tutto.

Negli 81kg Pierluigi Setti parte bene vincendo con il friulano Mortal per ippon di de-ashi e con l’atleta delle Fiamme Oro, Parlati per wazari di uchi-mata. Arrivato ai quarti però deve cedere il passo al campano D’Arco. Il nostro allievo viene recuperato e batte il siciliano Riganò per yuko di o-uchi-gari ma successivamente viene fermato da De Luca per wazari di contrattacco terminando così la sua gara al 10° posto. Il compagno di categoria Marco Peschiera, invece, vince con il toscano Lucarini per ippon ko-soto-gari ma nell’incontro dopo non riesce a superare il laziale Frustaci. Nei recuperi il nostro allievo passa il turno perche l’avversario, il lombardo Mosca, non si presenta. Purtroppo però nell’incontro successivo il laziale Casertano pone fine alla sua gara. Infine, sempre negli 81kg, ha combattuto anche Riccardo Rubini che dopo aver superato il siciliano Milazzo, non riesce a superare l’atleta delle Fiamme Oro D’Alessandro che purtroppo non lo recupera.

Nei 100kg il giovanissimo Riccardo Montanini, ultimo nostro allievo in gara oggi, disputa un bell’incontro con il più esperto Villanova, che con un ippon di ura-nage pone subito fine alla sua gara.

Foto

A premiare gli atleti medagliati sabato sono stati il Sindaco di Salsomaggiore e Presidente della Provincia Filippo Fritelli, l'Assessore allo Sport del Comune di Salsomaggiore Daniela Isetti, il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti e l’Assessore allo Sport di Parma Giovanni Marani che sono stati con noi per gran parte del pomeriggio.

Domenica è stato il turno delle categorie femminili, dove la prima a salire in materassina è stata Camilla Rasori nei 52Kg che viene purtroppo subito fermata al primo turno da Masella. Recuperata riesce a mettere a segno un wazari di o-soto-gari completato da un wazari di immobilizzazione contro Mura, ma viene definitivamente fermata da Conti. Sorte simile per la compagna di categoria Isabella Crescini, fermata anche lei al primo turno da Poser e, recuperata, perde di nuovo con Iadeluca.

Nei 63Kg purtroppo le compagne di squadra Giulia Vario e Martina Epifani si affrontano al primo incontro, dove ha la meglio Martina che continua la sua gara battendo successivamente Momentè per yuko di sumi-gaeshi. In seguito viene fermata da Dalla Corte per 3 shido, recuperata vince di nuovo con Ravan per ippon di sumi-gaeshi ma viene definitivamente fermata da Hernandez per wazari di o-soto-gari, concludendo la sua gara al settimo posto. Nella stessa categoria Christine Azzolini viene fermata al primo turno da Cittaro e perde di nuovo nei recuperi con la piemontese Marcuzzo,  sorte simile per Eleonora Di Cataldo che, sempre nei 63Kg, vince prima con Gatto , ma perde successivamente con Capponi, e non viene recuperata.

Foto

A premiare gli atleti medagliati domenica sono stati il Presidente della FIJLKAM Domenico Falcone, il Vice Presidente della FIJLKAM Franco Capelletti, il Consigliere Federale Giovanni Strazzeri e l’Assessore allo Sport di Salsomaggiore nonché Consigliere Nazionale del CONI Daniela Isetti.

Se i risultati agonisti non sono stati all’altezza delle aspettative lo stesso non si può certo dire per l’organizzazione dei due giorni di gare.

Il KSDK si è dimostrato ancora una volta all’altezza nell’allestire il palazzetto ad hoc per la competizione e gestire l’afflusso delle oltre 2000 persone, tra atleti, tecnici e appassionati, che hanno affollato il Palasport.

Tutto ha funzionato alla perfezione, solo la forte pioggia è riuscita per attimo ad impensierire l’organizzazione che ha però prontamente risposto all’emergenza permettendo alla gara di prendere il via in perfetto orario.

Il week-end è ormai finito e quel che rimane è l’amaro in bocca per i risultati non raggiunti o solo sfiorati, ma accanto a questo c'è la consapevolezza di essere davvero un grande squadra. Grande in tutti i sensi visto che tra sabato e domenica sono state più di 100 le persone che si sono messe a disposizione per far si che la manifestazione si potesse svolgere nel migliore dei modi. Il nostro staff per gli Assoluti formato da allievi di ogni età, genitori e amici ha lavorato incessantemente, ognuno ha svolto un ruolo fondamentale e tutti sono stati indispensabili ed hanno contribuito in modo essenziale al successo di queste due giornate.

Abbiamo ricevuto da tutti, i complimenti per l'organizzazione e sopratutto per il nostro STAFF in gara.

Un ringraziamento particolare va al mitico “Kunta” che ci ha fornito attrezzatura di ogni genere e ci ha aiutato nell'allestimento e nella gestione del parterre. Il secondo grazie va ai genitori dei nostri ragazzi che hanno contribuito occupandosi della cucina, del servizio d’ordine e dell’allestimento, il terzo va invece ai nostri allievi più giovani che si sono cimentati come tecnici del “care system” e come assistenti ai tatami.

Grazie anche gli allievi “più anziani” il cui ruolo è stato fondamentale nel predisporre il palazzetto, montare i tatami, le transenne e tutte le infrastrutture necessarie alla competizione.

I complimenti finali vanno poi alla Direzione e allo Staff che per settimane hanno lavorato alacremente all’organizzazione e alla gestione dell’evento, senza lasciare nulla al caso, muovendosi con precisione e attenzione, in perfetto stile Kyu Shin Do Kai!

Google Translate

Italian English French German Japanese Russian Spanish

Accedi o registrati

I nostri social

Vuoi sapere cosa succede oggi al KSDK? Scoprilo anche su Facebook e Instagram.

Partner

Libertas
Il Forno della Pizza