Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
Scuola Kyu Shin Do Kai Parma
International Training Camp Parma 2014
CERIMONIA DELLE CINTURE 2014 – CORSI BAMBINI
I due giorni di Pino Maddaloni al KSDK Parma
"La preparazione per chi fa Sport"
"Allenare il pensiero, riscoprire l’identità"
Premiazione 2013
CNU 2014
European Cup Senior di Londra
Campionati Italiani Junior 2014
Campionati Italiani Junior 2014

Judo: un metodo educativo

Storicamente il Judo nasce come una disciplina educativa e in seguito vi s'aggiungono componenti sociali, culturali e sportive. Tecnicamente il Judo evolve con i tempi e ogni maestro può e deve applicarlo nelle realtà in cui si trova.

Jigoro Kano volle soprattutto creare un METODO EDUCATIVO, intendendo con educazione lo sviluppo armonico di fisico, intelletto e moralità, sostenendo che un corpo sano è fondamentale per le attività mentali e spirituali, e che ha valore solo quando è di aiuto a chi lo possiede nello svolgimento di attività utili alla Società.

Nelle due "massime": "tutti insieme per progredire" attraverso "il miglior impiego dell'Energia" Kano asserisce che la prima costituisce il modo di agire che risiede nell'armonia e nella collaborazione con gli altri; mentre la seconda è fondamentale allo sviluppo, al progresso e al miglioramento qualunque sia l'obbiettivo da raggiungere, utilizzando al meglio le nostre capacità e potenzialità.

Egli era infatti convinto che un buon uso “dell'energia” indirizzato all'educazione fisica potesse migliorare il corpo; indirizzato alla mente , la cultura intellettuale e la morale; invece indirizzato alla quotidianità , il modo di vita. A chi lo pratica, il Judo infonde un'esperienza reale di combattimento all'interno e all'esterno di sé stessi, intendendo per "combattimento" non violenza o aggressività, ma un mezzo per poter affrontare e risolvere gli ostacoli che la vita ci propone quotidianamente.

Una disciplina che è pratica individuale, ma che necessita anche “dell’altro" per il suo fondamentale apprendimento, cioè, attraverso il confronto con gli altri la possibilità di vedere e studiare i propri limiti, conoscerli , superarli, dove il percorso, il cammino, la "via," è più importante del risultato stesso che si vorrebbe ottenere.

Jigoro kano disse ancora a tale proposto: "Quando la massima efficacia è applicata all'elevazione e alla perfezione dello spirito e del corpo nella scienza dell'attacco e della difesa, richiede soprattutto ordine e armonia tra tutti i membri di un gruppo e questa condizione può essere ottenuta con l'aiuto e le mutue concessioni, che portano alla prosperità ed al mutuo benessere". Per conseguenza il fine ultimo del Judo é d'inculcare nell'animo dell'uomo lo spirito di rispetto per i principi della "massima efficacia" e di "prosperità e mutuo benessere", inducendolo così a praticarli. Individualmente e collettivamente tale uomo può raggiungere lo stadio più elevato e nello stesso tempo sviluppare il suo corpo ad imparare l'arte dell'attacco e della difesa".

La massima efficacia nell'utilizzazione dello spirito e del corpo è il principio fondamentale che regge tutte le tecniche del Judo, ma è anche qualche cosa di più. Esso può essere applicato a migliorare il corpo umano, rendendolo forte, sano e utile, costituendo così una educazione fisica.

Può incrementare la forza intellettuale e morale, diventando una forma educativa, parimenti può essere applicato a perfezionare gli organismi sociali, l'abbigliamento, i problemi dell'alloggio, le relazioni sociali, i metodi di lavoro, costituendo così il modello di un'arte di vita.

A questo principio universale ho dato il nome di Judo.

Google Translate

Italian English French German Japanese Russian Spanish

Accedi o registrati

I nostri social

Vuoi sapere cosa succede oggi al KSDK? Scoprilo anche su Facebook e Instagram.

Partner

Libertas
Il Forno della Pizza